riparazione pale eoliche

Sfide e rischi nella riparazione delle pale eoliche

on
26 Settembre 2020

Con l’aumento di importanza delle energie rinnovabili, la riparazione delle pale eoliche sta diventando sempre più necessaria.

Ci chiamano skyworkers (lavoratori aerei).

Visti da lontano, assomigliamo a formiche mentre ci muoviamo attorno alle pale di potenti turbine eoliche, anche se, in realtà, siamo più paragonabili a ragni poiché siamo supportati e abilitati a svolgere il lavoro da una serie di cavi e funi.

Il lavoro della riparazione di pale eoliche

In sostanza, per fare questo mestiere non serve soltanto la capacità di manutenzione e riparazione della plastica rinforzata, ma anche l’abilità di discesa in corda doppia e arrampicata.

I tecnici che effettuano le riparazioni nelle lame delle pale eoliche ispezionano, puliscono e riparano pale a volte enormi, le cui buone condizioni sono vitali per l’efficienza delle turbine eoliche.

Per loro, e noi, è essenziale mantenere la calma in quota e rispettare al dettaglio tutte le norme di precauzione.

La sicurezza

Come è facile immaginare, la sicurezza è un aspetto fondamentale di questo mestiere.

Solo tecnici addestrati, che utilizzano corde sintetiche approvate, attrezzatura da arrampicata e attrezzatura di protezione personale, possono salire in quota.

Nel caso in cui un tecnico subisca un infortunio, o ci sia un’altra emergenza, la disposizione della fune dovrebbe consentire ad almeno un altro “alpinista” di calarsi in corda doppia ed riportarlo a terra.

Un controllo di sicurezza completo effettuato prima dell’inizio di un’attività di riparazione di una pala eolica deve tenere in conto la velocità del vento, che deve essere inferiore ai 12 m / s, e deve assicurarsi che il rotore sia frenato e bloccato in posizione statica.

Manutenzione delle pale del rotore

I tecnici specializzati nella riparazione e manutenzione delle pale eoliche diventano sempre più comuni man mano che le turbine eoliche continuano a proliferare e ad accumulare ore di funzionamento.

Ciò diventa ancora più rilevante se si considera che gli operatori dei parchi eolici, consapevoli della reputazione delle pale in termini di durabilità, hanno avuto la tendenza a trascurare l’ispezione e la manutenzione preventiva.

Molti stanno ora imparando che le pale delle turbine non possono essere semplicemente oggetti “montati e dimenticati”.

Le lame sono vulnerabili ai fulmini, all’erosione del bordo d’entrata, ai danni al bordo d’uscita, all’erosione superficiale da pioggia, grandine, ghiaccio e insetti.

Anche senza danni effettivi, la rugosità superficiale causata da piccole vaiolature e le corrosioni possono rovinare l’efficienza aerodinamica delle pale, riducendo la produttività della turbina.

La formazione dei tecnici specializzati in riparazione di pale eoliche

Un numero limitato di tecnici con le giuste competenze viene formato dagli stessi reparti di operazione e manutenzione dei produttori di turbine.

Come afferma uno specialista di manutenzione e riparazione, Alasdair Kane, amministratore delegato di Glasgow, Regno Unito, Technical Wind Services (TWS), “tendiamo a reclutare scalatori esperti che sono stati addestrati nella riparazione di pale eoliche”.

I corsi sono forniti da produttori di lame, desiderosi di preservare una buona reputazione di servizio per i loro prodotti assicurandosi che siano adeguatamente mantenuti.

La LM Wind Power della Danimarca, ad esempio, offre un corso di tre giorni progettato per impartire competenze di base sulla riparazione delle lame. Altri produttori, tra cui Vestas ed Enercon, forniscono una formazione simile.

Lavoratori aerei

Attualmente la maggior parte delle riparazioni sono del tipo “ritaglia e riempi” o, nel caso di riparazioni di laminati, si utilizza la laminazione a umido.

Tuttavia, TWS afferma che i suoi tecnici possono anche gestire infusioni e riparazioni preimpregnate, oltre alla restituzione di gelcoat e finiture superficiali.

I lavoratori del settore, normalmente, possono eseguire qualsiasi cosa, da piccole riparazioni superficiali a riparazioni strutturali medie, trattando una vasta gamma di materiali tra cui poliestere, vinilestere e resine epossidiche, insieme a fibre di vetro, carbonio, aramide e biocomposito .

La visita di un tecnico può comprendere diversi tipi di intervento, da un’ispezione visiva ravvicinata con rapporto, alla pulizia della lama, a una minore riparazione strutturale, ad esempio nell una punta o in un bordo danneggiato.

Poiché uno skyworker deve portare con sé tutto il necessario per un lavoro e sollevarlo e abbassarlo in base alle necessità, le procedure di riparazione devono essere attentamente pianificate e gestite con un adeguato supporto da altri membri del team.

Le resine (per laminazione a umido) dovranno essere impastate a terra appena prima dell’uso e trasportate, con tutti gli attrezzi di lavoro necessari, al riparatore.

Uno degli aspetti più difficili è organizzare i servizi necessari per il funzionamento degli utensili e per la polimerizzazione della resina.

Lavorare su pale di turbina di grandi dimensioni richiede un potente compressore a terra in modo che sia disponibile una pressione adeguata in alto per azionare strumenti ad aria.

Allo stesso modo, l’energia elettrica per i riscaldatori a tappeto è soggetta a perdite nei cavi di alimentazione lunghi.

I tecnici stessi sono normalmente sospesi al mozzo del rotore, lavorando sulla pala in oggetto – che viene fermata in posizione abbassata.

Le linee di ancoraggio possono essere distribuite alla torre o attorno alla lama.

Fonte: http://www.renewableenergyfocus.com/view/21860/the-challenge-of-wind-turbine-blade-repair/

TAGS
RELATED POSTS